Alta formazione

Andrea Cigni

Materie: Arte scenica, storia del teatro, drammaturgia musicale, recitazione, teorie e tecniche dell'interpretazione scenica, tecniche di espressività corporea, laboratorio di regia per lo spettacolo musicale
andrea.cigni@conscremona.it

Toscano, laureato al Dams di Bologna, formatosi grazie a numerose esperienze di recitazione, mimica, dizione, danza ed espressività corporea.

E’ stato attore e mimo prendendo parte a numerosi allestimenti e collaborando con registi quali Pier Luigi Pizzi, Giancarlo Cobelli, Yannis Kokkos, Alberto Fassini, Beni Montresor, Henning Brockhaus.

Dopo la regia di varie pièces teatrali: La Morsa di Pirandello, Poesie Recitardanzando di Giorgio Caproni, Rosa Pazza e disperata di Enzo Siciliano, Processo a Genet (tratto dal Journal du Voleur di Jean Genet), nel 2006 ha debuttato a Cremona con la mise en éspace di una performance di danza e musica dal titolo Buenos Aires Madrigals al Teatro Ponchielli, subito seguita dalla regia dell’opera Andromeda Liberata di Antonio Vivaldi in prima rappresentazione assoluta.

Nel maggio 2007 mette in scena L’Orfeo di Claudio Monteverdi diretto da A. Marcon, in occasione dei 400 anni dalla prima rappresentazione dell’opera: l’allestimento ha ottenuto la copertina del prestigioso mensile italiano L’Opera.

Nel 2008 ha curato la regia di Paride ed Elena di Gluck, per il Circuito Lirico Toscano (Teatro di Pisa, di Livorno e di Lucca) coprodotto dall’Opera Royal de Wallonie di Liegi; il prestigioso magazine inglese Opera Now ha decretato Cigni come uno dei migliori registi del 2008. Sempre nel 2008 ha realizzato, per l’inaugurazione della Stagione Lirica del Circuito Lirico Lombardo e il 150° anniversario dalla nascita di Giacomo Puccini, il dittico La Medium di Menotti e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini.

Nel 2009: Aida di Giuseppe Verdi al Giardino di Boboli a Firenze, con le scene di Igor Mitoraj e La Figlia del Reggimento di Gaetano Donizetti per il Circuito Lirico Lombardo, il Teatro Donizetti di Bergamo e il Teatro Alighieri di Ravenna.

Nel 2010 ha realizzato un nuovo ed importante allestimento de La Traviata diGiuseppe Verdi e Roméo et Juliette di Charles Gounod (regia e scene) per i Teatri di Pisa, Ravenna e Trento.

Per la stagione 2011: dopo Madama Butterfly e Tosca di Puccini per il Teatro Politeama di Palermo, debutta con una fortunatissima produzione de Il Cappello di Paglia di Firenze di Nino Rota per il Maggio Musicale Fiorentino, ed un nuovo allestimento di Norma di Vincenzo Bellini per Il Teatro Verdi di Sassari.

Tra i progetti per il 2012 un felicissimo allestimento di Ernani di Giuseppe Verdi, la ripresa per il Teatro Verdi di Sassari di Roméo et Juliette di Gounod e per il Teatro Massimo di Palermo Madama Butterfly di Giacomo Puccini.

Nel 2013 per il Wexford Opera Festival sarà impegnato ne Il Cappello di Paglia di Firenze di Nino Rota, ripreso in dicembre al Teatro del Maggio Fiorentino.

Per il 2014 e 2015 un nuovo ed importante allestimento di Don Pasquale di Gaetano Donizetti in una coproduzione tra i Teatri francesi di Clermont-Ferrand, Reims, Vichy, Limoges, Saint Etienne, Rouen, Massy, Avignon, e i Teatri italiani di Jesi e Piacenza. Per il Teatro Regio di Parma La cambiale di matrimonio di Rossini nel mese di febbraio, ripresa al Teatro Valli di Reggio Emilia nel mese di marzo.

A giugno 2014 è stato all’Abay Opera House di Almaty (Kazakistan) per un nuovo allestimento dell’opera Abay. Nel mese di settembre a Sassari, al Teatro Comunale, per Carmen di G. Bizet e in ottobre per il Circuito Lirico Lombardo, ha presentato un nuovo allestimento di Nabucco di Giuseppe Verdi.

Ha vinto, come miglior regista del 2015, il primo social ‘oscar’ della lirica GbOscar per le eccellenze della lirica.

Nell’autunno 2015 per Opera Lombardia, il Teatro di Jesi – Fondazione Pergolesi Spontini, la ripresa del Don Pasquale di Donizetti.

Tra i progetti del 2016, l’inaugurazione del Teatro Massimo Bellini di Catania con la Fedra di Paisiello, prima rappresentazione assoluta, per il Teatro Regio di Parma L’Occasione fa il Ladro di Rossini, Tosca di Puccini per Minnesota Opera House di Minneapolis.

I futuri impegni del 2017/2018 sono per il Teatro dell’Opera di Firenze, Maggio Musicale Fiorentino, con un nuovo allestimento de Le Convenienze ed inconvenienze teatrali di Gaetano Donizetti, l’inaugurazione del Teatro Massimo Bellini di Catania con La Straniera di Bellini, L’Orfeo di Claudio Monteverdi (produzione del MonteverdiFestival ripreso al Festival di Macao) e Thaïs di Massenet per la Minnesota Opera House.

E’ direttore artistico di OrizzontiFestival – festival delle nuove creazioni nelle arti performative – di Chiusi (Siena).

E’ Direttore del Conservatorio di Musica di Cremona ‘Claudio Monteverdi’ e docente di Arte Scenica, Storia del Teatro, Drammaturgia Musicale, Recitazione, Diritto Legislazione e Management dello Spettacolo, Tecniche della Comunicazione, presso il medesimo Conservatorio.

E’ Docente Faculty Professional per i progetti SDA Bocconi – MAMA project in Theatre Production per la Gestione dell’Impresa Teatrale.

website: www.andreacigni.it