ECHE – EPS

Erasmus Policy Statement

Cremona, fatherland of Monteverdi and Stradivari, has a rich musical tradition and is famous all over the world for its lute manifacturing listed by UNESCO among the Intangible Cultural Heritage of Humanity. It is among the few cities in Italy to have a Musicology Faculty. In 2003 the Civic Music School attained such a level that obtained the qualification of HEI under the name of Istituto Musicale Pareggiato, and then Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi”. Since then the Institute has established strong connections with the most important establishments in Cremona, such as Musicology Faculty, Teatro Ponchielli, Walter Stauffer Foundation and agreements with HEIs institutions in Milan, Mantua, Venice, in shared projects as teaching plans and artistic productions. Artistic projects have also been carried out under agreements with Goryeong Music School in Korea. Cremona is also very interesting for its artistic heritage and offers an enriching experience, in a lively cultural underground with an affordable everyday life.

Since Cremona attracts students and youth orchestras from all over the world, the ISSM Claudio Monteverdi usually deals with students from European Countries, from America, Australia and Far East Countries meeting them at the Institute or participating in concerts together.

Many foreign students have studied and are currently attending ISSM Monteverdi’s courses from Japan, Russia, Ukraine, Popular Republic of China, Taiwan.

Thus we believe that to make really improve the Institute it is absolutely necessary to participate in a structured international activity such as Erasmus+ Programme. ISSM Monteverdi needs to collaborate steadily with other HEIs under Erasmus+ Programme to improve the possibilities for students to be more competitive in the world of work, and provide enhancing of the Institute itself.

Having access to Erasmus+ Project will allow us to fulfill European Directives in modernisation and comparison with other european HEIs.

The choice of partner institutions depends on several points: first of all compatibility of courses programme, standards of quality, feasibility of durable partnership and, last but not least, existing relationships between our teaching staff and that of large number of foreign HEIs which leeds easily to mutual trust. In addition to previous relationships and in the aim of internationalisation strategy, the Institute has recently joined the AEC (European Conservatory Association). We expect a great opportunity from this membership: participating in its meetings and activities will give us the chance to know new potential partners, furthermore to deal with several HEIs at the same moment in order to make possible joint ventures. Cremona’s membership in European Mozart Ways (recently renewed, with an outstanding position of the Institute) may also give us a path to follow.

Geographically the aim is to have balanced exchanges with HEIs from different cultures, languages and musical grounds, in order to approach various learning and teaching methodologies and performing praxis in the aim to pursue the modernisation and internationalisation of the Institute.

Students in first and second degrees, teaching and administrative staff will be involved in Erasmus+ Programme with no discrimination as described in Art. 21 of the Charter of Fundamental Rights of the European Union.

CARTA ERASMUS PER L’ISTRUZIONE SUPERIORE 2014-2020

La Commissione europea rilascia la presente Carta a:

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ‘CLAUDIO MONTEVERDI’

L’istituzione s’impegna a rispettare i seguenti principi:

  • Rispettare appieno I principi di non discriminazione enunciati nel programma e assicurare la parità d’accesso e di opportunità ai partecipanti in mobilità provenienti da tutti i contesti socioeconomici.
  • Assicurare il pieno riconoscimento delle attività di mobilità per studio completate in modo soddisfacente, e, se possibile, dei tirocini per quanto concerne i crediti attribuiti (ECTS o sistema comparabile). Assicurare l’inclusione degli studi completati in modo soddisfacente e I o delle attività di mobilità per tirocinio nel documento finale in cui sono registrati i risultati conseguiti dallo studente (Supplemento al Diploma o equivalente).
  • Nell’ambito della mobilità per crediti in entrata, esentare gli studenti in mobilità dalle tasse per l’istruzione, l’iscrizione, gli esami o l’accesso a laboratori e biblioteche.

L’istituzione s’impegna inoltre a:

Allorché partecipa ad attività di mobilità – Prima della mobilità

  • Pubblicare e aggiornare regolarmente il catalogo del corsi sul sito web dell’istituzione con buon anticipo rispetto ai periodi di mobilità in modo da assicurare la trasparenza per tutte le parti interessate e di consentire agli studenti in mobilità di fare scelte informate sul corsi da seguire.
  • Assicurare la mobilità soltanto nel quadro di accordi previ tra istituzioni. Tali accordi devono stabilire i ruoli e le responsa­bilità rispettivi delle diverse parti nonché il loro Impegno a usare criteri qualitativi comuni nella selezione, preparazione. accoglienza e integrazione del partecipanti In mobilità.
  • Assicurare che i partecipanti alla mobilità in uscita siano adeguatamente preparati alla mobilità, e quindi che abbiano anche raggiunto il livello necessario di rnmpetenza linguistica.
    Assicurare che la mobilità di studenti e personale a fini di istruzione o formazione si basi su un accordo di studi per gli studenti e su un accordo di mobilità per il personale concordato anticipatamente tra le istituzioni o le imprese d’origine e ospitanti e i partecipanti alla mobilità.
  • Fornire assistenza per l’ottenimento di visti, se del caso, per i partecipanti alla mobilità in entrata e in uscita.
  • Fornire assistenza per l’ottenimento di un’assicurazione, se del caso, per I partecipanti alla mobilità In entrata e in uscita.
  • Fornire orientamenti ai partecipanti alla mobilità in entrata per aiutarli a trovare un alloggio.

Durante la mobilità

  • Assicurare la parità di trattamento tra gli studenti e il personale dell’istituzione ospitante e I partecipanti alla mobilità in entrata per quanto concerne l’offerta accademica e di servizi.
  • Integrare i partecipanti alla mobilità in entrata nella vita quotidiana dell’istituzione.
  • Garantire sistemi di tutoraggio e sostegno per I partecipanti in mobilità.
  • Fornire un adeguato supporto linguistico ai partecipanti alla mobilità In entrata.

Dopo la mobilità

  • Riconoscere tutte le attività indicate nel Learning Agreement e valide ai fini dell’ottenimento del diploma. a patto che tali attività siano state completate in modo soddisfacente dagli studenti in mobilità.
  • Fornire ai partecipanti alla mobilità In entrata e alle loro istituzioni d’origine un documento che certifichi in modo completo. accurato e tempestivo i risultati raggiunti alla fine del loro periodo di mobilità.
  • Sostenere la reintegrazione dei partecipanti alla mobilità e dare loro l’opportunità. una volta rientrati. di valorizzare le loro esperienze a vantaggio dell’istituzione e dei loro pari.
  • Assicurare che il personale riceva il riconoscimento delle attività d’insegnamento e formazione espletate durante i periodi di mobilità basati su un Accordo di Mobilità.

Allorché partecipa a progetti di cooperazione europea e internazionale 

  • Assicurare che la cooperazione assicuri risultati sostenibili ed equilibrati per tutti i partner.
  • Fornire un adeguato sostegno al personale e agli studenti che partecipano a tali attività.
  • Valorizzare i risultati dei progetti in modo da massimizzarne l’impatto sulle singole persone e sulle istituzioni partecipanti e incoraggiare l’apprendimento inter pares all’Interno della comunità accademica nel senso più ampio.

A fini di visibilità 

  • Esibire la presente Carta e la correlata Erasmus Pollcy Statement (EPS) in posizione prominente sul sito web dell’istituzione. -.
  • Promuovere coerentemente le attività sostenute dal Programma e , loro risultati.

A nome dell’istituzione prendo otto che l’attuazione dello Corta sarà sottoposto o monitoraggio e che l’eventuale violazione dei principi e degli impegni in essa enunciati comporterà il suo tiro da porte dello Commissione europea

CARTA ERASMUS PER L’ISTRUZIONE SUPERIORE 2014-2020